Fuori dalle righe (133)

Fuori dalle righe Ci sono delle persone che hanno una fiducia enorme nelle proprie capacità e che si sentono sempre i più bravi e i più meritevoli. Altri non si sentono in grado di raggiungere dei risultati degni di nota e non sembrano accorgersi dei propri meriti. In alcuni casi si tratta di insicurezza, ma ogni tanto questo atteggiamento è dettato da una continua analisi e critica delle proprie potenzialità e dei risultati raggiunti. E’ evidente che quando ci aspetta troppo da noi stessi, si rischia di andare incontro a grandi delusioni, specie se non raggiungono gli obiettivi prefissati. Ma come si può non essere troppo critici verso noi stessi? E’ possibile non ingigantire troppo gli errori che commettiamo? E come conciliare il nostro desiderio di arrivare sulla luna con la realtà? Non si può smettere di sognare, di avere degli obiettivi grandiosi o dei sogni nel cassetto, ma a volte le nostre aspettative megalomani rischiano di farci scordare le cose  che abbiamo già raggiunto. Quanto vorrei non avere dubbi! Manuale: pag. 68-69 – Selezione del picture Style Immagini: Vanessa Winship, fotografa britannica dell’agenzia VU (dove si trovano i sui laori più recenti) che ha vinto il World Press Photo 2008 nella categoria Ritratti – Portfolio. Interessante l’intervista su “Idee in Bianco e Nero“. Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 18/55 mm
  • lunghezza focale: 55 mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: manuale
  • otturatore: 1/60
  • apertura: f/5,6
  • ISO: 200

Un cocktail di gioia e di fantasia (104)

Un cocktail di gioia e di fantasia

Avevo bisogno di un po’ di ottimismo e di qualcosa di gioioso!

Immagini: un po’ di contatti di Flickr.

Manuale: pag. 130 – Eliminazione delle immagini.

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 35-135
  • lunghezza focale: 35 mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/25
  • apertura: f/11
  • ISO: 100

E arriva il 2010 (97)

Elementi decorativi

Mi sono sempre chiesta perché in questi giorni tutti si ritrovino a fare progetti e pensieri su come modificare la loro vita, io di solito medito su questi argomenti durante l’estate e i “buoni propositi” mi vengono in mente a settembre.
Ma quest’anno mi piacerebbe riuscire a cambiare almeno 6 cose (come suggerito da Zenhabit), vediamo cosa riesco a combinare.

Mi spiaceva però fare passare questa data senza trovare qualcosa di adatto all’occasione, ma alla fine sono rimasta affascinata da questo melograno seccato e utilizzato come decorazione, l’ho rubato e mi sono nascosta in cucina per avere la mia foto del 31 dicembre. Inoltre è un frutto che dicono porti fortuna 🙂

Spero che per tutti il 2010 sia un anno pieno di soddisfazioni e un pizzico di fortuna.

English abstract: “Here is the year 2010!” – I wish to everyone a year full of personal satisfaction and a little bit of luck.

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon Canon EF  18-55
  • lunghezza focale: 36 mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/15
  • apertura: f/5,6
  • ISO: 400

Un piccolo intermezzo (74)

Invito per merenda

Uno scatto veloce, senza mezzi (neanche i miei adorati pezzi di cartone che mi fanno da riflettori) e per fortuna c’era il cavalletto.

Quando sono dietro la macchina fotografica mi piace essere senza occhi indiscreti, libera di pensare e di scattare 1000 fotografie tutte da buttare per riuscire a catturare l’immagine che cerco. Occhi indiscreti che osservano il mio lavoro, mi infastidiscono e non riesco a concentrarmi. Il sabato e la domenica difficilmente trovo un momento tranquillo, qualcuno improvvisamente e inaspettatamente ha sempre bisogno di me. Ma come fanno i veri fotografi a lavorare circondati da tutte quelle persone?

English abstract: “A little break” – How can the real photographer shoot with a lot of person all around? For me the week-end are the worst day: having my family looking at me makes me feel unsecure and unconfortable.

Manuale: pag. 178 – Specifiche.

Immagini: un po’ di riviste allegate ai quotidiani del sabato e le immagini di Michel Tcherevkoff, un artista con una creatività particolare.

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 18-55mm
  • lunghezza focale: 35mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/2
  • apertura: f/9
  • ISO: 200

La fascinosa struttura (70)

Il fascino delle strutture

La cosa complicata quando si lavora da casa è il riuscire ad organizzare la giornata: si rischia sempre di fare molte piccole cose, ognuna importante e indispensabile, ma di dimenticarsi del lavoro vero e proprio. La giornata, o meglio ancora il periodo, deve essere gestito definendo gli obiettivi che si vogliono raggiungere e le priorità tra le varie attività che si devono svolgere, altrimenti si rischia di essere schiacciati dalle mille incombenze della vita di tutti i giorni.  Io oggi mi sono sentita un po’ alla ricerca delle priorità e indecisa tra progetti da realizzare. Un momento difficile ma pieno di aspettative.

L’unica cosa certa è che sono già arrivata al giorno 70 di questo viaggio e non mi sono stufata.
Inoltre oggi c’era il sole: è stata una giornata piena di luce e di libertà. 🙂

English abstract: ” The structural fairness” – When you work by your own, you need to define very well your projects and the tasks to accomplish. This is for me a strange period of my life: I am trying to identify my goals and new projects. But today there the sun was shining and everything look better! 🙂

Immagini: La mostra in Triannale con le foto dei calendari Epson. Di persona mi sono sembrate diverse da quelle viste on-line: l’effetto delle riproduzioni sul muro affiancate per anno mi è proprio piaciuto. Sono però sicura che alcuni dei calendari non li avrei scelti per appenderli su di un muro in casa mia.

Manuale: pag. 175 – Codice di  errore

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 18-55mm
  • lunghezza focale: 55mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/160
  • apertura: f/10,0
  • ISO: 100

Composizione indecisa (57)

Composizione indecisa

La mia fantasia sembra sparire, è difficile riuscire a concepire qualcosa di diverso tutti i giorni, specie se fuori il tempo non è bello e la luce scompare così presto nel pomeriggio (cioè prima che io possa riuscire a sfruttarla). Così sono tornata ad un’idea sviluppata il 22 giugno, per provare variazioni sul tema. Mi ricordo che allora il problema era riuscire a gestire la macchina nuova e ho quasi del tutto abbandonato la modalità automatica – i 56 giorni di esercizio mi hanno fatto proprio bene. 😉

Speriamo che domani ci sia il sole.

English Abstract: “Hesitating composition” – This is a new shot from an idea for a MacroMondays theme (the original shot is on Flickr). I remember that the main problem in June was to use my new DSRL, and now I can use the camera in manual way. The first 56 days of my challenge were very useful!

Manuale: pag. 38 – Funzioni ed impostazioni dei menu.

Immagini: solo qualche immagine su Flickr e di alcune riviste

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 18-55mm
  • lunghezza focale: 55mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/25
  • apertura: f/5,6
  • ISO: 100

Un regalo avvelenato (51)

Un regalo avvelenato

Forse il veleno è questa mia passione: per riuscire a rispettare il mio progetto non riesco più ad andare a letto ad orari ragionevoli.

Da quando fotografo guardo il mondo con occhi nuovi e anche la luce ha assunto un’importanza nuova. Ammiro i raggi del sole in alcune mattinate limpide, o il colore delle foglie di edera sui palazzi di Milano e con occhio critico valuto se potrebbero essere un bel soggetto e come potrei scegliere l’inquadratura. E poi allo stesso tempo il mio lato “timido” si vergogna di tirare fuori la mia macchina fotografica (che oramai mi accompagna ovunque) e velocissima mi allontano. Ma come fanno i fotografi? 🙂

English abstract: “The poisoned gift” – Photography is like a poison: I shot so late in the evening, and I never go to sleep.
I like walking and looking around with my camera: the light, the colors seems different and special. But often my camera remains in the bag.. too shy for shooting 🙂

Immagini: Un altro prezioso suggerimento di Morena: i calendari di Epson. 10  grandi maestri della fotografia che hanno illustrato i mesi dell’anno con scatti da guardare con attenzione. E per chi è a Milano, una mostra da segnare sull’agenda.

Manuale: pag. 34 – montaggio e smontaggio dell’obiettivo.

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 50mm/1,4
  • lunghezza focale: 50mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/100
  • apertura: f/1,4
  • ISO: 200

L’ispirazione nel frigorifero (36)

L'ispirazione nel frigorifero

Uno scatto colorato e vivace, giocando con due peperoni trovati in un sacchetto nel frigorifero. Le forme della frutta e della verdura sono la mia ancora di salvezza quando l’ispirazione tarda a venire e le lancette implacabili si avvicinano alle 24.

In questi giorni sono affascinata da tutto ciò che riguarda la ricerca del proprio stile fotografico e come farlo evolvere. Ma conviene rimanere nel genere che si conosce o è meglio provare strade diverse?

Manuale: pag. 67 – Selezione di un Picture Style. Un giorno dovrò fare alcune prova per capire bene la differenza, è una funzionalità che non uso mai.

Immagini: oggi è il turno di Liz Kuball, una fotografa americana che lavora dal 2006 e ha già ricevuto un po’ di riconoscimenti. Sul suo blog compare la seguente frase:

It seems so unnecessary to put an age limit on calls for entry, especially when the terms emerging and talent have nothing to do with when a photographer was born.

Sperem 😉

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 50mm/1.4
  • lunghezza focale: 50mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/60
  • apertura: f/2,0
  • ISO: 200

Ricercando i colori (17)

Ricerca di colori

Mi stupisco sempre quando mi chiedono se rielaboro le mie foto. Forse per la mia formazione, forse perché non sono capace di ottenere sempre lo scatto che vorrei, io prima di pubblicare ogni foto la controllo sempre e  modifico senza problemi. Adesso a furia di leggere ho anche una giustificazione: i fotografi veri in camera oscura hanno sempre ottimizzato le loro foto.

Quello che non mi piace (forse solo per ora, forse) è stravolgere completamente gli scatti.

Manuale: registrazione di My menu – pag.160: per velocizzare l’accesso alle funzioni usate più di frequente.

Immagine: oggi seguo il suggerimento di Michela/Cimny e scopro Irving Penn (ma anche su Wikipedia).

“A good photograph is one that communicates a fact, touches the heart and leaves the viewer a changed person for having seen it. It is, in a word, effective.”

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 50 1.4
  • lunghezza focale: 50mm
  • modalità: M – manuale
  • messa a fuoco: manuale
  • otturatore: 1/200
  • apertura: f/2,2
  • ISO: 200

Cuore dorato (15)

Cuore dorato

E’ faticoso pensare di fare uno scatto al giorno, ma diviene un’impresa titanica se inconsciamente si trasforma il progetto in fare uno scatto migliore del precedente. Non sempre ci sono le idee o le condizioni per ottenere qualcosa di speciale, ma ogni giorno si imapra qualcosa di nuovo.

Nei prossimi giorni vorrei migliorare nella messa a fuoco manuale: non ho ancora imparato a valutare bene le foto dal visore della macchina.

Manuale: pag.108 – alcune Funzioni utili. Ho riscoperto come impostare il tempo di visione dopo lo scatto.

Immagini: adesso vedo

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 50 1.4
  • lunghezza focale: 50mm
  • modalità: M – manuale
  • messa a fuoco: manuale
  • otturatore: 1/400
  • apertura: f/2,0
  • ISO: 200