La fascinosa struttura (70)

Il fascino delle strutture

La cosa complicata quando si lavora da casa è il riuscire ad organizzare la giornata: si rischia sempre di fare molte piccole cose, ognuna importante e indispensabile, ma di dimenticarsi del lavoro vero e proprio. La giornata, o meglio ancora il periodo, deve essere gestito definendo gli obiettivi che si vogliono raggiungere e le priorità tra le varie attività che si devono svolgere, altrimenti si rischia di essere schiacciati dalle mille incombenze della vita di tutti i giorni.  Io oggi mi sono sentita un po’ alla ricerca delle priorità e indecisa tra progetti da realizzare. Un momento difficile ma pieno di aspettative.

L’unica cosa certa è che sono già arrivata al giorno 70 di questo viaggio e non mi sono stufata.
Inoltre oggi c’era il sole: è stata una giornata piena di luce e di libertà. 🙂

English abstract: ” The structural fairness” – When you work by your own, you need to define very well your projects and the tasks to accomplish. This is for me a strange period of my life: I am trying to identify my goals and new projects. But today there the sun was shining and everything look better! 🙂

Immagini: La mostra in Triannale con le foto dei calendari Epson. Di persona mi sono sembrate diverse da quelle viste on-line: l’effetto delle riproduzioni sul muro affiancate per anno mi è proprio piaciuto. Sono però sicura che alcuni dei calendari non li avrei scelti per appenderli su di un muro in casa mia.

Manuale: pag. 175 – Codice di  errore

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 18-55mm
  • lunghezza focale: 55mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/160
  • apertura: f/10,0
  • ISO: 100
  • Beautiful photo. I can almost see eyes looking back at me. And the text is very fitting to the subject.