Un regalo avvelenato (51)

Un regalo avvelenato

Forse il veleno è questa mia passione: per riuscire a rispettare il mio progetto non riesco più ad andare a letto ad orari ragionevoli.

Da quando fotografo guardo il mondo con occhi nuovi e anche la luce ha assunto un’importanza nuova. Ammiro i raggi del sole in alcune mattinate limpide, o il colore delle foglie di edera sui palazzi di Milano e con occhio critico valuto se potrebbero essere un bel soggetto e come potrei scegliere l’inquadratura. E poi allo stesso tempo il mio lato “timido” si vergogna di tirare fuori la mia macchina fotografica (che oramai mi accompagna ovunque) e velocissima mi allontano. Ma come fanno i fotografi? 🙂

English abstract: “The poisoned gift” – Photography is like a poison: I shot so late in the evening, and I never go to sleep.
I like walking and looking around with my camera: the light, the colors seems different and special. But often my camera remains in the bag.. too shy for shooting 🙂

Immagini: Un altro prezioso suggerimento di Morena: i calendari di Epson. 10  grandi maestri della fotografia che hanno illustrato i mesi dell’anno con scatti da guardare con attenzione. E per chi è a Milano, una mostra da segnare sull’agenda.

Manuale: pag. 34 – montaggio e smontaggio dell’obiettivo.

Dati scatto:

  • macchina: Canon EOS 450D
  • obiettivo: Canon EF 50mm/1,4
  • lunghezza focale: 50mm
  • modalità: manuale
  • messa a fuoco: automatica
  • otturatore: 1/100
  • apertura: f/1,4
  • ISO: 200